Muoversi è l’obiettivo numero uno in qualsiasi modo lo si faccia. Detto questo, non c’è che da sbizzarrirsi nella scelta, seguendo le nostre inclinazioni, le nostre passioni, l’età che abbiamo e i risultati che ci proponiamo di ottenere. Lo sport, praticato con buon senso ed eventualmente con qualche opportuna cautela, aiuta a prevenire il sovrappeso, migliora la salute dell’apparato cardio circolatorio e del cuore, aiuta il buon umore e combatte lo stress.

Soprattutto divertirsi. Il fatto di scegliere un’attività che ci diverta, sarà il miglior incentivo a mantenere il nostro impegno con costanza, quando gli impegni e la mancanza di tempo si faranno sentire. Non abbiamo timore di sbizzarrirci e di osare anche un po’: se siamo in buona salute non esistono limiti a quello che possiamo fare.

Muscoli che paura! Se avere un corpo tonico e in forma è un obiettivo comune a tutte, è altrettanto diffuso il timore, praticando le discipline ad alta intensità, di ritrovarsi con una muscolatura troppo sviluppata e mascolina. La preoccupazione è del tutto fuori luogo: anche utilizzando macchine e pesi, il risultato finale di un allenamento ben riuscito sarà lo sviluppo della muscolatura e la diminuzione della massa grassa. L’aumento di volume che si riscontra negli uomini non è dovuto tanto al lavoro fisico, quanto all’azione degli ormoni maschili, a cominciare dal testosterone. Dato che le donne non producono questi ormoni, se non in piccole quantità, non arriveranno mai ad avere muscoli così sviluppati da apparire mascoline.

Non ho l’età! L’organismo umano cambia con il passare del tempo ed è indispensabile esserne consapevoli. Fino ai 35 anni siamo nel pieno del vigore e della resistenza fisica, per cui possiamo dedicarci a tutti gli sport che desideriamo, dallo sci all’arrampicata, dal CrossFit alle immersioni subacquee o alla corsa, e con la frequenza e l’intensità che ci è più congeniale. Dopo i 35 e fino ai 45-50, tutto cambia. Il metabolismo rallenta, la resistenza alla fatica e le capacità di recupero diminuiscono: per garantire la sicurezza dagli infortuni e il benessere generale, è meglio cominciare a orientarsi su attività a minore impatto: le attività aerobiche come la corsa, magari alternata alla camminata veloce, la bicicletta e il nuoto sono sempre perfetti, ma possiamo cominciare a provare qualche disciplina che, oltre ad allenare il corpo, aiuti a rilassare la mente. Se ci piace ancora scatenarci, possiamo dedicarci alle diverse forme di fit-dance, dalla Zumba alla Fit barre, oppure dedicarci al Pilates o all’acquafitness. Dopo i 55 anni l’equilibrio fisico di una donna diventa ancora più delicato: l’ideale è dedicarsi allo stretching, al Pilates, o allo Gym Vascular un paio di volte a settimana, oltre a lunghe passeggiate a passo sostenuto con altrettanta frequenza.

Per dimagrire. Se lo scopo del nostro allenamento è perdere peso, l’ideale è dedicarsi a discipline aerobiche e cardio. In generale si può dire che gli allenamenti ad alta intensità sono più efficaci nel bruciare calorie rispetto a quelli a bassa intensità. Se poi vogliamo concentrare il lavoro su alcuni singoli “punti critici”, ricordiamoci che otterremo la loro tonificazione, ma non il dimagrimento localizzato. Non è possibile infatti far dimagrire la pancia, i fianchi o i glutei “da soli”: la perdita di grasso, e quindi di peso, avviene in tutto il corpo (naturalmente se seguiamo un regime ipocalorico), mentre l’allenamento è utile per rimodellare la muscolatura e questo può avvenire specificamente per le varie parti del corpo.

Per migliorare la postura. La ginnastica posturale ha il merito di far lavorare la muscolatura profonda, che di solito non si usa mai e che spesso non sappiamo neppure di possedere. Un corso mirato può aiutarci a individuare le posizioni viziate che assumiamo e manteniamo per ore durante il giorno e insegnarci a correggerle. In questo modo potremo dare sollievo anche a contratture e dolori vari, in particolare alla schiena e al collo.

Eccedere con cibi e bevande durante l’estate è un classico, ma una volta tornati alla vita di tutti i giorni è tempo di rimettersi in riga, senza farsi prendere dal malumore o dallo stress. Non c’è bisogno di grandi sacrifici, ma bisognerà pur trovare un modo per purificarsi ed eliminare le tossine accumulate durante il periodo estivo e ritornare ad un regime alimentare sano. Una corretta dieta post estate è quello che ci vuole per rimettersi in forma al più presto. Attenzione però a non passare dagli eccessi al digiuno o il metabolismo andrà in tilt!

Come ogni anno settembre è il mese dei buoni propositi. Sicuramente i progetti che riguardano l’alimentazione sono tra i più condivisi. Diete troppo drastiche o sconclusionate, iniziate e poi abbandonate dopo pochi giorni sono tra le situazioni più frequenti che si verificano soprattutto in questo periodo, in cui si cerca di recuperare velocemente dagli sgarri estivi. Innanzitutto cerca di determinare la tua esigenza principale: perdere peso? Disintossicarti? Sentirti più efficiente? Una volta individuata la necessità, un regime ad hoc è la soluzione che stai cercando. Si tratta di un obiettivo davvero alla portata di tutti, che potrai raggiungere anche con piccoli impegni quotidiani:

  • risveglia il metabolismo: alcuni alimenti riescono a stimolare il nostro organismo a perdere peso in tempi più rapidi. Qualche esempio? Il limone, lo zenzero, il caffè.
  • Controlla le porzioni: gli occhi sono i primi a dover essere saziati, quindi usa dei piatti non troppo grandi e abituati a riempirli con moderazione. Mastica con calma.
  • Scegli le bevande giuste: ciò che bevi è altrettanto importante di ciò che mangi. Ricorda che i cocktail sono un concentrato di calorie e zuccheri. L’effetto gonfiore è assicurato e, se il consumo è abituale, anche l’aumento di peso.
  • Utilizza spezie e aromi: peperoncino, curcuma, rosmarino. In questa maniera potrai limitare l’uso di condimenti più calorici (le spezie sono un concentrato di proprietà benefiche, da cui il tuo organismo potrà trarre tanti vantaggi).

Se desideri recuperare forze fisiche e mentali, per riprendere l’anno lavorativo o gli studi nel migliore dei modi, dovrai puntare su alimenti ben precisi. Eccone alcuni:

  • cereali integrali: soprattutto quelli in chicco (come orzo e farro). Grazie al loro contenuto di fibre regalano una sensazione di sazietà senza causare la tipica sonnolenza del post pranzo.
  • Cioccolato: quello fondente è un valido stimolante. Inoltre è un alimento ricco di antiossidanti, che combattono l’invecchiamento cellulare.
  • Pesce: salmone, merluzzo, alici sono fonte di sali minerali, vitamine e omega 3, componenti preziose per migliorare la memoria e la salute del cervello.
  • Acqua: spesso lavorando intensamente ci si dimentica di bere. Ricorda che le cellule del cervello lavorano meglio se sono idratate: non bere anche solo per alcune ore le rende più pigre.
  • Ultimo, ma non meno importante, riprendi la tua attività fisica preferita gradualmente oppure se non l’hai mai praticata incominica a pensarci seriamente: fare attività motoria ti aiuta ad affrontare meglio la tua vita lavorativa, a metabolizzare meglio il cibo, a bruciare e a sentirti meglio psicologicamente. BUON INIZIO!

Quando si lavora è spesso difficile riuscire a mantenere una dieta sana ed equilibrata. Si finisce per mangiare sempre le solite cose, magari non troppo sane e ingurgitate con fretta, come tramezzini, panini, pizze e altri cibi molto gustosi, ma che purtroppo non fanno parte di un’alimentazione salutare. Da una parte c’è chi esagera con i cibi golosi ma poco sani, dall’altra c’è anche chi, per paura di ingrassare o per fretta, si nutre poco e male. Ciascun lavoro richiede una diversa energia e fornire al nostro corpo meno del necessario, alla lunga, può avere degli effetti collaterali. Pertanto, modificare la propria dieta conoscendo quali alimenti rendono più efficienti anche le prestazioni in ufficio può essere davvero utile.

Una corretta dieta per i lavoratori dovrebbe considerare sia le proprietà energetiche e nutritive dei vari cibi, sia il tipo di lavoro svolto, l’ambiente, l’orario di lavoro, il tipo di alimentazione abituale e le attività extralavorative. Per evitare la diminuzione della resistenza alla fatica e della prontezza dei riflessi, i pasti consumati durante il lavoro devono essere non troppo abbondanti, facilmente digeribili, e prevalentemente costituiti da carboidrati (pane, pasta, riso), legumi, frutta e verdura (alimenti ad alto contenuto di sali minerali) e da un adeguato apporto idrico.

Sarebbe quindi sufficiente una maggiore informazione e un miglioramento nella gestione dei pasti in azienda per determinare un buon livello di performance mentale e fisica e una riduzione sia delle assenze per malattia che degli infortuni sul lavoro.

5 regole per una corretta alimentazione al lavoro

  1. Più frutta e verdura (almeno cinque porzioni al giorno).
  2. Meno grassi (grasso della carne, formaggi grassi, burro, olio).
  3. Più varietà combinando gli alimenti:
    • Pasta, pane, patate, riso e cereali (carboidrati) devono essere assunti ogni giorno.
    • La carne e le uova dovrebbero essere mangiate non più di due-tre volte a settimana, privilegiando il pesce (ricco di omega 3).
    • Legumi (ottime fonti di proteine, contengono pochi grassi e molta fibra alimentare che regola i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue).
    • I formaggi dovrebbero essere mangiati come pasto, non dopo un pasto, e al massimo due volte a settimana.
    • Frutta, verdura e ortaggi (contengono rilevanti quantità di minerali, vitamine e antiossidanti) sono alimenti a basso contenuto calorico.
    • Condimenti (salse, maionese, burro, olio), alcolici (aperitivi, vino, birra, amari, superalcolici), sale e dolci sono alimenti e bevande di cui è necessario limitare al massimo il consumo.
  4. Più attenzione alle porzioni: l’alimentazione frazionata in tre pasti principali e uno o due spuntini al giorno consente un più armonico rifornimento di energia e un minore impegno digestivo.
  5. Acqua in abbondanza (almeno 1 litro e mezzo al giorno).

Da lunedì 9 fino a mercoledì 11 settembre parte Tieni il Tempo, la promozione “fast” che ti permette di ricevere in omaggio un orologio Swatch o di altri brand in caso di sottoscrizione di un abbonamento di almeno 8 mesi (valido per qualsiasi attività).

Per info ti invitiamo presso la nostra Reception oppure puoi inviare un WhatsApp al numero 377.5559673

Per la tua pausa pranzo in compagnia con i colleghi o sei non hai voglia di stare alle prese con i fornelli, 88th Street è il luogo ideale per pranzare senza rinunciare alla qualità del buon cibo. Il nostro wellness bistrot accontenta ogni tipo di palato: dal vegetariano, all’amante della carne, dal fitness addicted all’amante della pasta. Il menu del giorno di 88th Street è:

IMG-20190920-WA0000-991x1024 88th Street propone

Un martedì formato energy quello del 10 settembre all’insegna dello sport a 360°. Il nostro Wellness Club ti dà la possibilità, a partire dalle ore 10:00, di provare tutte le attività che vuoi tutto il giorno. E la sera potrai divertiti in compagnia dello staff al party serale con dj set.

PALINSESTO

DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 19:00 SALA FITNESS

DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 19:00 PROVE DI SUBACQUEA

ORE 10:30/18:30/19:30 LEZIONI DI ACQUAFITNESS

ORE 16:00 SCUOLA NUOTO

ORE 18:30 E ORE 19:30 LEZIONI DI GROUP CYCLING

ORE 18:00 PALLANUOTO RAGAZZI – 19:30 PALLANUOTO ADULTI

ORE 21:00 PARTY SERALE CON DJ SET

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA INVIANDO UN MESSAGGIO WHATSAPP AL NUMERO 377. 5559673. NEL MASSAGGIO INDICA NOME, COGNOME, ETA’, ORARIO E ATTIVITA’ CHE DESIDERI PROVARE.

Molte di voi ormai sono in vacanza, ma non sanno nuotare o non sono molto amanti di attività da praticare sulla spiaggia quali beach volley o tennis, e tuttavia vogliono continuare a mantenersi in forma perché, si sa, in vacanza non si rinuncia e al buon cibo.

Un valido esercizio fitness ottimo per bruciare le calorie, nonché uno dei rimedi contro la cellulite, è utilizzare l’acquabike o hydrobike (la bici ma in acqua). Certo dovreste armarvi di tanta fortuna e trovare dei corsi, magari chi si trova nei resort ci sono, oppure dei lidi ben organizzati questo tipo di attività, soprattutto nella settimana di Ferragosto, le prevede.

Che cos’è l’hydrobike? È uno sport in cui stai immersa nell’acqua fino alla vita e si pedala sulla cyclette a ritmo di musica. Si lavora su una bicicletta in acciaio fissata sul fondo della piscina con delle ventose, quindi anche chi non sa nuotare può stare tranquilla: non c’è nessun rischio. L’intensità dell’allenamento varia nel corso della lezione: dura di solito 50-60 minuti. In questo tempo vengono simulate salite, discese e sprint, proprio come lo spinning. E’ un lavoro prettamente aerobico, alternato ad esercizi di tonificazione. La musica aiuta a dare ritmo e intensità. Pedalare su la cyclette in acqua migliora il sistema cardiovascolare e rinforza la schiena. Una seduta di hydrobike è più intensa di una di spinning: grazie alla resistenza dell’acqua, bruci più calorie facendo gli stessi esercizi. In 45 minuti, bruci tra 300 e 500 calorie in funzione dell’intensità. E’ un’attività fisica ottima per combattere la cellulite, perché l’acqua esercita un massaggio, la pelle appare più soda e l’eliminazione delle tossine è stimolata.

E’ tempo di vacanze e chi si reca in posti tropicali, nei Caraibi, sul Mar Rosso o semplicemente nel Mare Nostrum e ama la pratica dello snorkeling si divertirà ad ammirare l’affascinante mondo sottomarino senza l’ausilio dell’autorespiratore. Per chi è ancora indeciso, nonostante i tempi ristretti, ecco qualche dritta, portafogli permettendo e posti in aereo incrociando le dita… su alcuni dei migliori spot al mondo dove praticare questa disciplina o semplicemnte farvi sognare a occhi aperti.

Isole Medes, Spagna. Sono il luogo migliore della Catalogna per praticare lo snorkeling, grazie alle eccellenti condizioni di visibilità e all’interessante fondo marino. Il contesto naturale protetto in cui si inserisce l’arcipelago permette di immergersi praticamente con qualsiasi condizione climatica. Alghe, pareti di poseidonia, coralli, granchi, stelle marine e pesci originali.

Ghar Lapsi, Malta. Malta è un’isola quasi del tutto rocciosa; è per questo che le sue acque diventano subito profonde anche vicino alla costa, oltre ad essere molto limpide. Ghar Lapsi è, secondo gli esperti, impressionante.

Makarska, Croazia. La Croazia non figura tra i luoghi più popolari del mondo per lo snorkeling e le immersioni, ma è sicuramente molto apprezzata dagli autentici cultori di questo hobby. La costa croata è quasi tutta rocciosa, il che permette di avere una buona visibilità sott’acqua. Se vedete una “Atrina maura”, un tipo di mollusco che vive in una conchiglia di forma triangolare, non raccoglietelo perchè questa specie è protetta nel Paese.

Penisola Del Sinai, Mar Rosso. Il Mar Rosso ha un’ottima reputazione come uno dei luoghi più consigliabili per fare snorkeling e immersioni sub. Acque cristalline e non troppo affollate sono le sue attrattive principali. I migliori spot per immergersi della penisola sono: Bahía Tiburón, Ras um Elsied, Hoyo azul en Dahab, Dunraven, El Gharkana, El Muquilila, Ras Atantur, Ras Abu Galuom, Ras Nosarani e Ras Umm Sied. Un paradiso per gli amanti della natura, con barriere coralline vergini, possibilità di pescare in mare aperto e fare gite in barca.

Riserva Marina di Maputaland, Sudafrica. Pesci, delfini, balene e squali. In queste acque è possibile incontrare praticamente qualsiasi tipo di animale; si tratta infatti di una delle riserve naturali marine più belle e interessanti di tutta l’Africa. Lo spettacolo è garantito anche per i non fanatici dello snorkeling, che potranno per esempio passeggiare lungo la riva di Manzengwenya osservando le tartarughe.

Isole Similan, Thailandia. Queste isole sono parte di un parco naturale conosciuto come il miglior spot per le immersioni di tutta la Thailandia ma considerato anche tra i migliori del mondo per i suoi coralli, l’interessante fauna marina e le spiagge di sabbia bianca. Le 9 isole che formano l’arcipelago delle Similan si trovano immerse in un ambiente magico, nel pieno centro del Mare delle Andamane, a circa 3 ore in barca dalla penisola (in territorio thailandese ma vicine al limite territoriale con la Birmania). Le isole sono per la maggior parte disabitate, il che le rende ancora più speciali.

Isole Caiman, Caraibi. Le isole Caiman potrebbero essere il sogno di chiunque: dei sub, grazie alle loro acque trasparenti, alle rovine sottomarine e ad una gran fauna acquatica, ma anche delle famiglie e delle coppie di innamorati in cerca di romanticismo. Le migliori spiagge sono Seven Miles (la più famosa e divertente), Heritage (solitaria e naturale), Rum Point (tranquilla e circondata da pini e palme) e Kaibo (con bar e musica jazz dal vivo).

Maldive. Sono la mecca delle immersioni. L’incontro tra le sue acque tiepide e le correnti permanenti ha creato un mondo sottomarino straordinario che potrete scoprire facendo snorkeling. L’arcipelago delle Maldive comprende 1.200 isole che occupano una superficie totale di 298km2 nel cuore dell’Oceano Indiano. Spingetevi ad esplorare le isole meno sfruttate turisticamente, dove fare snorkeling è un’avventura vergine.

Isola di Ustica, Palermo. Grazie all’origine vulcanica, l’isola di Ustica è un luogo ideale per immergersi e per fare snorkeling. Le sue acque immacolate e trasparenti sono solo una delle sue tante attrattive. Si raccomanda di esplorare la Grotta Azzurra, la Grotta Verde e la Grotta delle Barche. Inoltre, sott’acqua ci sono delle specie di sentieri sottomarini segnalati che permettono di muoversi facilmente senza perdersi.

Cozumel, Messico. L’isola di Cozumel è riconosciuta come una delle migliori destinazioni per le immersioni e lo snorkeling nel mondo. L’isola è circondata da più di 25 formazioni coralline che si estendono lungo un tratto di 32 km, in acque così chiare da permettere di vedere fino a 70 metri di profondità. Ci sono diverse possibilità per avvicinarsi al mondo sottomarino: due esempi sono le immersioni notturne e quelle tematiche (relazionate per esempio con la fotografia o l’identificazione di specie…).

Santa Lucìa de Camaguey, Cuba. Le acque qui sono tiepide e cristalline, con una visibilità media intorno ai 30 – 40 metri, e i più di 4.000 atolli e isolotti che formano l’arcipelago fanno di Cuba una destinazione emergente per questo hobby. Più di 30 centri internazionali di sub organizzano escursioni per la pratica dello snorkeling nella barriera, così come immersioni diurne e notturne per scendere fino a 40 metri di profondità.

E’ tempo di vacanza, sole, mare, lettino, giornale…in una sola parola: relax. Dopo un anno trascorso in balia dello stress, orologio, corse, treni, aerei, bambini da accompagnare a scuola e chi più ne ha più ne metta, si sa in vacanza si ha voglia di oziare e abbronzarsi, soreggiare un drink al tramonto, fare aperitvi, i giovani amano andare in disco fino a tardi.

Però è risaputo che in vacanza si mangia anche un po’ di più e quakche kg in più lo si mette. E allora perché non rinunciare a un po’ di attività motoria tipo andare in bici, nuotare, giocare a beach volley oppure fare tonificazione muscolare al mare sfruttando la naturale azione rimodellante dell’acqua per ottenere buoni risultati faticando la metà? Ecco allora qualche pratico consiglio.

La camminata in riva al mare. Passeggiare sulla sabbia è un’attività piacevole e rilassante che tonifica le gambe e massaggia le piante dei piedi. Una variante ancora più efficace è camminare immerso nell’acqua fino a metà polpaccio, eseguendo ampie falcate: la resistenza dell’acqua associata all’instabilità della sabbia modellerà le tue gambe senza fare un grosso sforzo. Per far lavorare polpacci, cosce e cintura addominale, passeggia per almeno una ventina di minuti.

Esercizio per un seno sodo. Mentre i bambini fanno un castello di sabbia, puoi “rubare” un pallore per fare qualche esercizio (o fartelo prestare!). Entra direttamente in acqua fino al petto. Braccia tese, prendi il pallone in una mano, passalo dietro alla schiena e recuperalo con l’altra mano. Tempo di esecuzione: 5 minuti.

Esercizio per braccia e pettorali. Immersa nell’acqua con le gambe ferme, simula con le braccia il movimento della nuotata a rana spingendo acqua verso l’esterno e poi verso l’interno con le mani a paletta. Tieni la pancia in dentro e i glutei attivi. Più velocemente, eseguirai il movimento, più l’esercizio sarà efficace in quanto sfrutterai la resistenza dell’acqua come carico. Esegui 5 serie da 20.

Esercizio per rassodare i glutei. Entra in acqua fino al petto e corri all’indietro a piccoli passi aumentando la velocità. Le braccia devono seguire il movimento delle gambe. Ripeti l’esercizio per 5 minuti.

Esercizio per gli obliqui. Appoggia le braccia sul materassino e lascia le gambe in galleggiamento in acqua. Piega le gambe portandole al petto e distendile mandandole verso l’angolo destro del materassino, poi riportale al petto e mandale a sinistra. Ripeti il movimento per 20 volte e poi recupera per qualche minuto. Esegui 5 serie da 20.

Per gli amanti della bike il Club Aqvaworld ha riservato la promo Special Days da prendere al volo: un corso di 8 mesi con frequenza bisettimanale al costo di 315 €.

Meglio noto come Spinning, il Group Cycling®, è un allenamento aerobico nato come preparazione in luoghi chiusi per il ciclismo su strada. La lezione si svolge in gruppo su una bike stazionaria martedì e giovedì alle 13:30 e alle 20:00, sotto la direzione di un istruttore che impartisce i ritmi di pedalata secondo la velocità della musica utilizzata.

Per info sulla promo, valida da LUNEDI’ 29 LUGLIO A MERCOLEDI’ 7 AGOSTO, ti consigliamo di rivolgerti in reception oppure di contattare lo 0835.1973570 o di inviare una mail a segreteria@aqvaworld.it.