Ci sono tanti validi motivi per cui è importante saper nuotare, e uno di questi è sicuramente la sicurezza personale: soprattutto se vi piace andare al mare, in piscina o fare una gita in barca.

Dal punto di vista del benessere fisico, il nuoto è da considerarsi un allenamento completo,  in quanto vengono usati molti muscoli del corpo e di conseguenza viene attivato metabolismo e l’apparato cardiocircolatorio.

L’esercizio in acqua avviene senza gravare in maniera eccessiva sulle articolazioni inoltre nuotando si migliora anche la respirazione. Infine, da non sottovalutare, il potere benefico che il nuoto ha per la nostra mente: nuotare, infatti, favorisce il sonno, aiuta a ridurre lo stress e allevia i sintomi dell’ansia.

Di seguito abbiamo racchiuso i 4 validi motivi che vi convinceranno a praticare un corso di nuoto anche da adulti. Perché per imparare a nuotare non è mai troppo tardi!

  1. Sicurezza personale. Forse è un motivo ovvio ma certamente non banale: dovete innanzi tutto imparare a nuotare per la vostra sicurezza. Prima o poi, nel corso della vita, vi avvicinerete sicuramente all’acqua: potreste andare in crociera o appassionarvi alla pesca, o semplicemente ricevere un’invito ad andare in piscina con i vostri amici. In ognuna di queste situazioni, se l’acqua supera la vostra altezza, sarete sempre, potenzialmente, in pericolo e saper nuotare potrebbe salvarti letteralmente la vita!
  2. Soccorere gli altri. Secondo l’Istituto Superiore della Sanità, ogni anno in Italia muoiono per annegamento circa 400 persone adulte, in pratica più di una al giorno. Se sapete nuotare potreste essere d’aiuto e salvare la vita ad una persona che si trova in difficoltà proprio vicino a voi, in piscina, al lago o al mare. Saper nuotare diventa invece indispensabile se siete genitori o se per lavoro avete a che fare con bambini e giovanissimi, perché è sempre meglio prevenire.
  3. Salute. La maggior parte dei medici concorda sul fatto che il nuoto è una sana forma di esercizio fisico. Il nuoto è infatti un’allenamento completo perché utilizza molti dei muscoli del corpo e ne beneficia il metabolismo e il sistema cardiovascolare. L’acqua, inoltre,fornisce una resistenza naturale e permette di sforzare e caricare meno l’apparato scheletrico.
  4. Piacere. Il piacere di trascorrere del tempo in acqua non ha prezzo. Una nuotata in piscina o in mare in una calda giornata d’estate può aiutare a sentirsi rilassato e fisicamente in forma. L’acqua è quindi un modo per restare in forma, socializzare e fare nuove conoscenze.

Quando si decide finalmente di imparare a nuotare, per prima cosa occorre innanzitutto superare la vergogna e la paura: non c’è alcuna ragione di provare imbarazzo se non si sa ancora nuotare e vedrete che vincere la paura può diventare ben presto una cosa del tutto fattibile.

La pallanuoto è uno sport di squadra molto appassionante, ma nello stesso tempo impegnativo che richiede molta energia e dedizione e tira fuori il carattere. Tuttavia questo tipo di sport è molto divertente e salutare per il vostro bambino ecco perché lo consigliamo vivamente. Vediamo nei dettagli in cosa consiste e quando incominciare a praticarlo.

ShowImage-300x199 Bambini e sport. Pallanuoto per crescere bene

  1. Cos’è la pallanuoto. Sport di squadra e impegnativo che necessita di basi tecniche di nuoto abbastanza precise tra cui lo stile libero, la rana e secondariamente il dorso e il delfino. Si gioca in 7 contro 7, un portiere e sei giocatori fuori, con dei ruoli abbastanza definiti nei livelli agonistici, un po’ meno definiti nei livelli amatoriali.
  2. A che età si può iniziare a praticarlo? La prima fascia d’età va dagli 8 ai 12 anni. In questa fase è molto facile riuscire a comunicare ed entrare in relazione con i bambini attraverso l’uso del gioco.
  3. È importante avere determinate caratteristiche fisiche o è praticabile da chiunque? La pallanuoto è uno sport di grande contatto fisico, questo vuol dire che i bambini più robusti, con una buona struttura fisica sono naturalmente privilegiati. Al contempo, ciò non significa che anche bambini con una struttura più gracile possano giocare bene e, anzi, rafforzare la loro struttura fisica diventano se non robusti, comunque decisamente più forti. Per noi comunque, la pallanuoto deve essere soprattutto divertimento, si lavora, e molto, ma sempre con divertimento.
  4. Che cosa si impara? Ciò che si propone è l’insegnamento di tecniche fondamentali e basilari: l’uso della palla, la collaborazione con i compagni e le tecniche di nuoto diverse da quelle abituali: la rana alternata, lo stile libero con la testa fuori, il dorso con la testa fuori. Queste tecniche vengono successivamente affinate con lo scopo di riuscire a sostenere un gioco più fluido ed economico dal punto di vista dello sforzo fisico. Successivamente il gioco viene codificato attraverso le regole vere e proprie della pallanuoto che sono precise come in tutti gli sport. Il bambino deve conoscerle ed essere in grado di rispettarle.
  5. Cosa occorre? Per i bambini più piccoli, di 8 anni, occorrono un costume, un accappatoio, la calottina e le ciabatte.
  6. Quanti allenamenti a settimana? Un paio di volte sono più che sufficienti.
  7. Quali sono i vantaggi di questa disciplina? La pallanuoto è uno sport che unisce, in questo è abbastanza simile al Incide sulla crescita del bambino e del ragazzo sicuramente per quanto riguarda il rispetto delle regole. Inoltre ci deve essere un rispetto assoluto del compagno e dell’avversario, infatti capita spesso di trovarsi dopo un incontro a condividere lo stesso tavolo con i propri avversari.